Stanza Quantica

Oltre la dimensione umana..... meditazioni visive

 

531  63  174  285  396  417  528  639  741  852  963  1074  1185

 

La meditazione:

La meditazione non può essere rigida, perché essa è il fluire della vita. Dalla rigidità nasce la repressione non la comprensione.

L'uomo che medita con le tecniche è un povero. Una mente orientata alle tecniche è chiusa, è una mente che programma ogni cosa. Questo atteggiamento mentale ha allontanato gli uomini dal vero significato della meditazione.
Le tecniche servono solo ad aprirsi all'esperienza, devono dar modo alla vita di insegnare, devono dar modo all'uomo di comprendere.
Molti sono i luoghi comuni legati alla Meditazione. Non occorre assumere atteggiamenti straordinari o andare in solitudine in cima all'Himalaya; la Meditazione è qualcosa di semplice che deve accadere durante la vita di tutti i giorni, è legata all'osservazione, all'attenzione e alla rimembranza di sé, aiuta a comprendere sempre di più.
Vi sono migliaia di tecniche di Meditazione, che appartengono alla storia dell'evoluzione umana. Nel corso dei millenni, l'uomo ha radicalmente cambiato la propria esistenza ed è ovvio che una tecnica, perfettamente adatta ad un uomo dei tempi di Buddha, non lo è più per l'uomo contemporaneo. Certo, il fine è sempre il raggiungimento di uno stato meditativo, ma la tecnica deve necessariamente essere diversa. Ogni tempo ha creato nell'uomo una mente diversa ed i grandi Maestri del passato lavoravano ognuno sul proprio presente, a volte addirittura variando o creando tecniche adatte solo ad un determinato individuo.
Non credo ai prodigiosi effetti procurati dalle tecniche di massa o da quelle tramandate da millenni. Ogni individuo è unico e straordinario e vive in un preciso momento storico. Non possiamo prescindere da questo. All'inizio si deve avere un po' di pazienza, ritrovare un linguaggio interiore che ci permetta di ritrovare la nostra interiorità iniziando ad osservare i nostri automatismi, i nostri stati di trance quotidiani. In seguito, quando la comprensione esperienziale comincia a farsi strada nella nostra coscienza e la consapevolezza compare, non ci si perde più e si diventa Maestri di se stessi, uomini liberi.

La Meditazione è la possibilità, attraverso un apprendimento particolare, di sviluppare e far crescere la capacità di "comprendere" nell'essere umano. Permette un ampliamento delle informazioni e degli input che noi immettiamo nel nostro sistema. Contemporaneamente, è anche un ampliamento del sistema stesso, e questo crea un circuito evolutivo esponenziale.

Penso che noi occidentali, in questo preciso momento, dobbiamo elaborare metodi innovativi di Meditazione, perché mai come in questo momento storico la mente ci costringe in uno stato di forte condizionamento.
L'orientamento del mio lavoro negli ultimi quindici anni è stato proprio quello di ricercare nuove e appropriate tecniche ed i risultati sono stati degni di nota: aumento dello stato di attenzione generale, un'osservazione diversa del proprio corpo nell'ottica della prevenzione, un forte calo dello stato di stress, una maggiore capacità di risolvere i problemi quotidiani, una partecipazione più intensa e positiva all'esistenza. Ma quello che ho notato in tantissimi individui è stato un cambio di qualità nella propria vita ed una presa di responsabilità individuale.
In questo senso agiscono le tecniche di visualizzazione quantica che, negli ultimi anni, sono state sperimentate da migliaia di persone sulle quali è stato possibile verificare il potenziamento delle percezioni e della capacità di agire con lucidità nelle situazioni.